Komyo Reiki - Unione con l'Universo

Vai ai contenuti

Menu principale:



Cos'è Reiki

La forza vitale è calore ed energia emanata dal corpo. In India, questa forza viene chiamata Prana, in Cina Ch'i ed in Giappone Ki.
Con l'armonizzazione al Reiki, una persona acquisisce la capacità di riequilibrare il Ki: si collega all'energia universale, diventando così esso stesso un elemento che la veicola.
Reiki è la capacità di riunire la forza vitale del corpo con l'energia universale dalla quale deriva. Una volta appresa, ti basterà appoggiare le mani perchè l'energia del Reiki inizi a scorrere e cominci a riequilibrare la forza vitale di chi la riceve.
La prima sensazione sarà quella del calore, poi la distensione, ed in fine quella del sollievo. Grazie al reiki è possibile superare tutti i problemi che derivano da blocchi energetici.
Reiki è amore, non ha controindicazioni.
Reiki è amore per il proprio spirito ed il proprio corpo. Reiki è amore per chi ci circonda, agiamo positivamente sia su noi stessi che sugli altri. Reiki è amore per la natura, ci riunisce con essa.



Cos'è Komyo Reiki Do?

E' una pratica di ben-Essere che aiuta l'organismo a trovare il suo equilibrio completo attraverso l'Energia Cosmica incanalata dall'operatore che utilizza a tale scopo le proprie mani.

A chi si rivolge?

A tutti poichè ognuno di noi può ritornare a sentirsi meglio e a godere appieno della propria esistenza.

In cosa è utile?

  • Migliora le performances corporee
  • Riduce i tempi di recupero da infortuni
  • Migliora la pelle
  • Migliora la circolazione sanguigna e lo stato dei capillari
  • Riduce i dolori fisici
  • Aiuta a drenare i liquidi in eccesso
  • Aiuta a riposare meglio di notte
  • Migliora il sistema immunitario


Scambio Komyo Reiki

Si tratta di un incontro tra operatori Reiki sia dell'Associazione Unione con l'Universo che di altre scuole e di persone che non hanno ancora ricevuto l'attivazione al Reiki.
Questo incontro permette di ricevere un Open Reiju (armonizzazione temporanea al Reiki) da parte di un insegnante Komyo Reiki a tutti i partecipanti così da provare i benefici del Reiki da un minimo di due ore ad un max di due giorni.
Inoltre a turno ci si sdraia vestiti su un lettino da massaggi e tutti gli altri partecipanti appoggiano le loro mani sulla persona che beneficia del trattamento Reiki. Dieci minuti di trattamento svolto da circa 7-8 persone equivalgono a circa 1 ora di trattamento eseguito da un solo operatore.
Per ulteriori informazioni clicca qui



Storia del Reiki

Mikao Usui (fondatore del Reiki) nasce nel villaggio Taniai-Mura il 15 agosto 1865. Buddista, visitò l'Europa e l'America e studiò in Cina. Sperava di avere successo nella vita, ma incontrò molte difficoltà. Depresso a causa dei diversi intoppi, Usui salì sulla sacra montagna Kurama in Kyoto (l'antica capitale giapponese) e dopo avervi meditato senza cibo per ventuno giorni, sentì all'improvviso una grande energia sopra di se, fu illuminato ed ottenne il Reiki. Inizialmente i trattamenti reiki erano su se stesso e sui membri della sua famiglia, constatandone l'immediata efficacia. Usui decise che era meglio dividere i benefici di questa tecnica con tutta la popolazione, piuttosto di utilizzarlo solo per arricchire la propria famiglia. Nel 1922, ad Aoyama, Tokyo, Mikao Usui fondò la “Usui Reiki Rioho Gakkai” per insegnare il Reiki. Arrivavano persone anche da molto lontano per potersi sottoporre ai trattamenti Reiki di Usui. Nel settembre del 1923, ci fu un grande terremoto e Mikao Usui curò e salvò molte persone. Morì il 9 marzo 1926 a Fukuyama nelle vicinanze di Hiroshima.

Tecnica del Reiki

Reiki è una disciplina molto semplice da applicare. Non servono doti personali particolari, tanto meno anni di studi. Dato che l'energia fluisce automaticamente dalle nostre mani, basterà apprendere la semplice tecnica per appoggiarle. Differenti tecniche, simboli e posizioni vengono insegnate nei livelli superiori.
Nel primo livello si imparano l'auto trattamento per il riequilibrio energetico ed il trattamento rapido per punti definiti.
Nel secondo livello sono insegnati i simboli per rafforzare il potere dell'energia reiki, per trattare disturbi precisi come: disturbi nervosi, respiratori, digestivi, circolatori, cardiovascolari, metabolici e sanguigni. oltre ad apprendere anche le tecniche per guidare l'energia indirizzandola verso luoghi lontani (trattamento a distanza).
Nel terzo livello si apprende il quarto simbolo che mette in connessione con l'Universo e da qui comincia il sentiero spirituale del Reiki.
Chiaramente più aumenta il livello di apprendimento, maggiori sono le nozioni da apprendere, ma la cosa fondamentale è che già dal primo livello, da subito, si possono avere benefici.
Il gradino d'apprendimento finale è quello del quarto livello dove si acquisisce la capacità di armonizzare al Reiki altre persone attraverso i Reiju che sono delle cerimonie in stile giapponese di armonizzazione all'energia Reiki.
Generalmente la tecnica per l'applicazione è molto semplice, l'energia scorre da tutta la mano, così è sufficiente appoggiarla aperta perché il reiki inizi ad agire.
Bisogna sempre rammentare che “più è lontano il tuo ego, meglio il reiki funziona”, ovvero che non è l'operatore reiki che decide, ma è l'energia universale che passa attraverso lui che porta beneficio.

Torna ai contenuti | Torna al menu